By

Itaglia senza speranza: perde un braccio contro il guard rail, ora dovrà anche pagare le spese legali

Itaglia senza speranza: perde un braccio contro il guard rail, ora dovrà anche pagare le spese legali

Chi scrive ha da tempo mandato a quel paese l'abominevole casta di burocrati e legulei che ha reso nei decenni l'Italia un paese da barzelletta, e forse per questo ha anche poco diritto di incazzarsi per un fatto come quello che ci è stato segnalato. Ma di fronte a certe notizie lo sdegno ed il ribrezzo di parlare ancora di queste meschinità va tralasciato a favore della più ampia diffusione possibile della notizia, sperando per una volta di riuscire a raddrizzare un torto evidente.

Non che ci speri: vent'anni fa ho lottato per quasi un decennio per vedermi risarcito un danno alla moto, e per aver diritto agli interessi (negli anni Ottanta l'inflazione era galoppante, e con la cifra risarcita non mi ci sono potuto pagare neppure metà della moto distrutta) avrei dovuto aprire un'altra causa civile e perdere la salute per altri dieci anni.

Ma torniamo alla segnalazione che riguarda Matteo Baraldi, un motociclista che è anche uno dei fondatori della Onlus Di.Di., associazione che porta in pista a correre piloti disabili.

Matteo perse un braccio nel 1999, all'età di ventidue anni, in un incidente contro un guard rail assassino, una di quelle lame micidiali che sembrano disegnate apposta per infliggere il massimo del danno ad un ciclista o ad un motociclista. La sua lotta contro i mulini a vento era iniziata bene, con un giudice che aveva confermato il ruolo fondamentale del guard rail deformato nel causare l'amputazione del braccio e di conseguenza la responsabilità del comune di Pozzolengo. L'indennizzo era stato importante, un milione di Euro, ma il comune aveva fatto ricorso ed ora la corte d'appello di Brescia (perdonatemi ma non me la sento di sprecare due maiuscole per quell'ufficio oggi) ha ribaltato la sentenza.

Finita qui? Non proprio: il comune verrà risarcito delle spese legali, 60.000 Euro che Matteo dovrà pagare per essere stato così stupido da cadere in prossimità di un guard rail.

La morale? Non c'è, purtroppo. Il sistema è malato oltre ogni possibilità di recupero. Si salvi (e scappi) chi può.

comments powered by Disqus

Altri commenti

Username
Password
Non sei registrato?
Registrati, è gratis!

Commento


L'antipatico

Chiacchiere a ruota libera su moto, computer e privacy


MotoCorse.com è nato dalla passione per le moto e per i computer, questo blog è quindi il naturale sbocco per l'autore che - commenti sulle due ruote a parte - non perde occasione per riprendere e commentare le ultime notizie su privacy ed informatica

Articoli più letti

Articoli precedenti su MotoCorse.com

Acerbis: partner di tre team ufficiali alla Dakar

Acerbis: partner di tre team ufficiali alla Dakar
in Offroad

Arrow: nuovo scarico per KTM EXC-F 350

Arrow: nuovo scarico per KTM EXC-F 350
in Offroad - Abbigliamento e accessori

Giampiero Sacchi svilupperà le Aprilia in MotoGP?

Giampiero Sacchi svilupperà le Aprilia in MotoGP?
in Motomondiale