By

La Moto Guzzi ha un'anima?

La Moto Guzzi ha un''anima?

Uno dei punti di forza della maggioranza dei marchi italiani di motociclette è sempre stato l'avere un rapporto diretto con i propri clienti ed i propri concessionari, la ridotta catena di comando industriale che faceva sì ad esempio che in Aprilia Ivano Beggio fossse spesso direttamente coinvolto in situazioni non certo manageriali, dove i dipendenti si sentivano parte di una famiglia.

In parte lo è ancora, più per alcuni marchi che per altri, ma in troppi altri si tratta semplicemente di un business come tanti, dove si analizza il mercato per capirne le richieste, si crea un prodotto e si stabilisce un prezzo in base al valore percepito (e soprattutto cercando di aumentare questo valore percepito grazie al marketing).

Questo ha spesso portato a produrre motociclette di migliore qualità, rivolte a fette più ampie di mercato, ma ha anche cancellato quel poco di anima che era rimasto e che tanto aveva contribuito al successo delle nostre case.

Anima che certo è stata completamente offuscata dalle logiche fredde e spassionate del mercato quando Moto Guzzi ha cancellato la licenza di concessionaria alla Primo Moretti di Macerata, uno storico rivenditore della casa di Mandello famoso per essere stato nientepopodimeno che il primo al mondo dell'azienda, con novant'anni di storia a partire dalla fondazione della concessionaria nel 1922 da parte di Primo Moretti che con la Moto Guzzi corse con buon successo negli anni Venti. Dopo la sua morte, avvenuta in un incidente stradale proprio mentre si recava per lavoro alla sede di Mandello del Lario con un motocarro, l'attività era continuata grazie alla figlia Lidia ed ai nipoti Roberto e Pietro.

Ma proprio due giorni prima di Natale, il 23 dicembre 2013, la oramai ottantottenne Lidia ha ricevuto una comunicazione in cui si annunciava l'intenzione di cancellare la licenza di concessionaria ufficiale allo storico negozio maceratese. Ci saranno senz'altro valide logiche di mercato che hanno portato ad una decisione del genere, forse anche condivisibili e convincenti, ma per favore smettetela di intortarci con anime e passione.

Foto: www.primomoretti.it

comments powered by Disqus

Altri commenti

Username
Password
Non sei registrato?
Registrati, è gratis!

Commento


L'antipatico

Chiacchiere a ruota libera su moto, computer e privacy


MotoCorse.com è nato dalla passione per le moto e per i computer, questo blog è quindi il naturale sbocco per l'autore che - commenti sulle due ruote a parte - non perde occasione per riprendere e commentare le ultime notizie su privacy ed informatica

Articoli più letti

Articoli precedenti su MotoCorse.com

Buon avvio alla Dakar per Alessandro Botturi

Buon avvio alla Dakar per Alessandro Botturi
in Offroad

Dakar 2014, Video: the new Honda CRF450 Rally

Dakar 2014, Video: the new Honda CRF450 Rally
in Offroad