By

Motociclista o automobilista, sappiamo dove vai (in tutta Europa)

Alzi la mano chi vede come un pesante problema doversi fermare a pagare il pedaggio recandosi in vacanza in Francia o Austria. A giudicare da questo documento dell'Unione Europea però, l'unificazione dell'Europa tramite un unico sistema elettronico di rilevamento e pagamento dei pedaggi sembrerebbe una priorità, e ad essere maliziosi verrebbe da pensare che i fini potrebbero essere non solo quelli di semplificare la vita ad automobilisti e motociclisti...

Molto presto dunque potrebbe essere obbligatorio dotare ogni veicolo di un trasmettitore elettronico simile a quello del Telepass per poter guidare sulle autostrade europee, con ovviamente la nascita di un altro gigante burocratico che dovrà gestire tutto il traffico di dati proveniente da tutta Europa, raccogliere i pagamenti e smistarli alle varie nazioni a seconda dei tratti di strada percorsi dagli utenti.

Centralizzazione uguale ottimizzazione? Non credo di essere un mago a prevedere che i costi potrebbero aumentare per motociclisti ed automobilisti... La Germania ha ad esempio esplicitamente richiesto di poter adottare tariffe più alte per i veicoli stranieri, ed altre nazioni potrebbero semplicemente far pagare le moto con la stessa tariffa delle auto.

Il limite all'implementazione di questo sistema sembra per adesso dovuto alla necessità di armonizzare i costi fra le varie nazioni e fra diverse categorie di veicoli, ma l'Italia, insieme a Francia, Austria, Spagna, Germania, Polonia e Danimarca, ha già deciso di formare un gruppo di lavoro che permetterà a questo gruppo di nazioni di attivare un sistema unico il più presto possibile.

Il sistema, definito EETS (European Electronic Toll Service), è nato come progetto nel 2009 e nel 2012 è stato implementato per i veicoli commerciali.


comments powered by Disqus

Altri commenti

Username
Password
Non sei registrato?
Registrati, è gratis!

Commento


L'antipatico

Chiacchiere a ruota libera su moto, computer e privacy


MotoCorse.com è nato dalla passione per le moto e per i computer, questo blog è quindi il naturale sbocco per l'autore che - commenti sulle due ruote a parte - non perde occasione per riprendere e commentare le ultime notizie su privacy ed informatica

Articoli più letti